Nuova illuminazione al Colosseo – Il Direttore Russo: “Primo passo per un più ampio progetto di sostenibilità di tutto il sistema impiantisco del Parco”

15 aprile 2019

Un traguardo importante è stato raggiunto in questi giorni grazie alla proficua collaborazione tra il Parco archeologico del Colosseo e il Comune di Roma attraverso la multiutility capitolina Acea.

Da sabato 13 aprile cittadini e turisti sono finalmente tornati a godere anche di notte della bellezza del Colosseo: 120 dei 298 proiettori presenti sono stati sostituiti con un intervento di manutenzione straordinaria in programma da tempo. L’evento si realizza 14 mesi dopo la riaccensione permanente delle pendici meridionali del Palatino avvenuta la notte del 31 dicembre 2017.

Si consolida così – annuncia Alfonsina Russo, Direttore del Parco archeologico del Colosseola volontà condivisa tra Parco e Acea di arrivare ad una progettazione integrata che renda sostenibile tutto il sistema impiantistico del Parco. Il fine del progetto, che a breve vedrà la sottoscrizione di una convenzione dedicata tra Parco e Acea – spiega Alfonsina Russo – è quello di prevedere l’ammodernamento non solo dell’intera rete elettrica, ma anche di quella idrica e idraulica, facendo leva sulle nuove tecnologie.

Ancora una volta il Parco archeologico del Colosseo intende mettersi a disposizione nella sperimentazione di metodologie innovative finalizzate alla salvaguardia del patrimonio culturale con particolare attenzione alla sostenibilità ambientale, sociale ed economica.

Decoro e messa in valore dei beni culturali contrastano il degrado e la perdita di identità del nostro patrimonio; nello stesso tempo promuovono il coinvolgimento della comunità nei processi di conservazione, riqualificazione e rigenerazione del valore del bene stesso – conclude il Direttore, Alfonsina Russo.