Bandi e concorsi

AVVISO DI GARA – Procedura di affidamento ex art. 36, comma 2, lett b) D.Lgs 50/2016 tramite RDO MEPA n.2592293 aperta a tutti i soggetti abilitati nella categoria “Servizi professionali al patrimonio culturale”.

Data pubblicazione: 23 Giugno 2020

Data scadenza: 30/07/2020

Oggetto: servizio professionale per la redazione delle schede storiche dei beni archeologici immobili del Parco archeologico del Colosseo, mediante analisi della documentazione archivistica conservata presso l’archivio situato in via in Miranda n. 5, finalizzato al monitoraggio e all’implementazione della piattaforma web in corso di costruzione- PGT 83/19.


CIG: 8345653AB7

Importo a base di gara: € 80.988,55.

Criterio di aggiudicazione: prezzo più basso

Data pubblicazione: 19/06/2020.

Data scadenza presentazione offerte: 30/07/2020.

Termine richieste chiarimenti 23/07/2020


Per le richieste di informazioni tecniche contattare la Dott.sa Irma Della Giovampaola:

Tel. 3316729053
email irma.dellagiovampaola@beniculturali.it


A seguito di richiesta di chiarimenti in merito alla mancanza di disciplinare di gara, si precisa che non sussistono particolari esigenze tali da rendere necessaria la previsione di apposita lex specialis a specificazione o integrazione delle normativa prevista dal Codice dei contratti e dalle Regole del Sistema di e-procurement Mepa. In particolare, i requisiti di qualificazione richiesti sono quelli già dichiarati in sede di abilitazione alla categoria Mepa “Servizi professionali al patrimonio culturale”, integrati dai requisiti specifici relativi alle risorse umane contemplati dall’art. 12 del Capitolato prestazionale, qua riprodotti ai fini di una maggiore intelligibilità, che andranno dichiarati nell’apposita sezione del DGUE (parte IV, criteri di selezione) e comprovati tramite allegazione dei relativi curricula nella documentazione amministrativa:RESPONSABILE DELLA REDAZIONE SCHEDE STORICHE Laureato in Lettere con esperienza decennale con la funzione di responsabile del coordinamento generale REDATTORE SCHEDE STORICHE Archeologi con specifica esperienza nell’ambito delle ricerche archiviste applicate al patrimonio archeologico DATA ENTRY Tecnici diplomati con esperienza specifica nell’ambito della informatizzazione di schede catalografiche applicate ai beni culturali Si coglie l’occasione per pubblicare, tramite il presente comunicato, capitolato prestazionale contenente piccole rettifiche ai termini di svolgimento della prestazione appaltata, nonché relazione tecnica e computo_metrico estimativo​


Si ritiene opportuno condividere le seguenti precisazioni fornite in risposta a quesiti formulati:

 

1. Al fine di valutare l’entità del lavoro è possibile effettuare un sopralluogo e quando?

R: Sì il sopralluogo è possibile e va concordato direttamente con il RUP (irma.dellagiovampaola@beniculturali.it);

 2. Esistono delle limitazioni di orario o di accesso all’archivio per la fase 1A?

R: Sì esistono delle limitazioni legate alla prevenzione da contagio COVID 19 per le quali sarà necessario concordare un cronoprogramma dell’esecuzione delle attività previste

3. Considerato che il data entry delle schede validate (fase C) avviene nel sistema informativo presso il laboratorio di monitoraggio, di quanti PC si disporrebbe per l’inserimento dei dati?

R: per quanto riguarda la fase C  l’Appaltatore dovrà utilizzare le proprie dotazioni informatiche secondo le modalità che verranno indicate all’atto dell’aggiudicazione

4. Nel testo del bando si fa riferimento a eventuali “prove tecniche di laboratorio” e “rilievi BIM e nuvole di punti”. A quali servizi ci si riferisce?

R: Le attività del servizio oggetto della Gara RDO n. 2592293 sono esclusivamente quelle indicate all’art. 6 del capitolato prestazionale.

5. All’art. 17 del Capitolato, il totale delle somme in pagamento, per anticipazioni e saldo, fa 80%, e non 100% del totale. Quando è previsto il 20% mancante?

R: Le percentuali dei SAL indicate all’art. 17 del capitolato prestazionale sono tutte pari al 20% e non al 10% come indicato per mero errore materiale in due casi.​