“Canti di Pietra al Foro Romano” Robert Davi legge Gabriele Tinti 

Evento online

11 Dicembre 2020


Condividi

La serie “Canti di pietra” prosegue con un ciclo di letture poetiche interamente dedicate al Foro Romano.

Dopo la lettura di Michele Placido, venerdì 11 Dicembre sulla pagina Facebook e sul canale YouTube e IGTV del Parco archeologico del Colosseo a partire dalle ore 21.00 Robert Davi leggerà “Apollo” dello scrittore e poeta Gabriele Tinti. In occasione delle Agonalia la poesia è dedicata ad Apollo-Sol ed ispirata alla statuaria un tempo presente nel Portico degli Dèi Consenti nel Foro Romano, alle pendici del Campidoglio. La statua di Apollo doveva essere qui accoppiata a quella di Diana.

Nel Portico degli Dei Consentes erano conservate infatti le statue delle dodici divinità del pantheon romano, sei maschili e sei femminili, distribuite in coppie: Giove-Giunone; Nettuno-Minerva; Marte-Venere; Apollo-Diana; Vulcano-Vesta; Mercurio-Cerere. Il loro culto nel Foro è documentato nel I secolo a.C. da Varrone, che ricorda le statue dorate degli dei. L’etimologia sembra derivare dai verbi latino consentio oppure conso, dal significato rispettivamente di “essere d’accordo” e “deliberare”.

Non ci sono pervenute le opere statuarie che erano conservate nel portico ma tra le numerose sculture ideali conservate al Museo Palatino è stata scelta come immagine del Dio una bellissima testa di Apollo del cd. tipo Anzio proveniente dalla Domus Augustana. La scultura è una delle migliori repliche romane di età imperiale di un modello greco realizzato alla fine del IV secolo a.C.