Il Foro in una stanza. Paesaggi di pietra nella Roma imperiale

Evento

14 marzo 2018

Foro Romano


Condividi

In occasione della Seconda Giornata Nazionale del Paesaggio il Parco archeologico del Colosseo ha narrato, grazie alle moderne tecnologie, la storia e il significato della scoperta dei rilievi storici, noti come Plutei di Traiano, oggi custoditi all’interno della Curia Iulia.

Il portone della Curia che volge verso la Piazza del Foro si è aperto virtualmente: in una sorta di trompe l’oeil digitale, l’immagine odierna della piazza lungo il lato sud-occidentale si è trasformata in quella della fine dell’800 nel momento in cui, proprio tra il Comizio e la colonna dell’imperatore Foca, furono rinvenuti i due rilievi marmorei; da qui il visitatore, in una sorta di viaggio nel tempo, è stato condotto all’interno della Curia dove linee di luce hanno disegnato i rilievi, tratteggiando i monumenti e il paesaggio che fanno da sfondo alle scene raffigurate: il fornice centrale dell’Arco di Augusto, la tribuna adorna con i rostri navali, il Tempio dei Castori, la parte orientale della Basilica Giulia, l’albero di fico (forse il fico ruminale ai piedi del quale secondo la leggenda furono allattati dalla lupa i gemelli, Romolo e Remo) e la statua di Marsia, questi ultimi simboli della continuità dell’impero e di libertà.

In primo piano una scena carica di valori sociali e politici: una donazione liberale al popolo da parte dell’imperatore, forse proprio gli alimenta Italiae voluti da Traiano, misura di assistenza pubblica per sostenere i giovani. La scena fa da pendant a quella narrata nell’altro rilievo, la cancellazione delle tasse arretrate, sullo sfondo della quale compaiono, di nuovo, il fico e la statua di Marsia, il lato occidentale della Basilica Giulia, il Tempio di Saturno, un arco onorario e il Tempio del Divo Vespasiano. L’albero di fico rappresenta in questi rilievi l’unico elemento naturale in un paesaggio che è ormai dominato dagli edifici monumentali, esito di una intensa e continua attività edilizia.

Le tecnologie sono state affiancate da visite guidate, in lingua italiana e inglese, condotte dagli archeologi del Parco archeologico del Colosseo, che hanno raccontato i rilievi storici e il paesaggio urbano del Foro quale si presentava agli inizi del II secolo d.C.

Per l’occasione è stata anche possibile l’esplorazione tattile di una riproduzione in scala ridotta del rilievo di uno dei plutei, realizzata appositamente per l’evento.