Storie dal Colosseo. Lezioni di epigrafia. l terremoti del V d.C. e la fine dei giochi

Evento online

15 Febbraio 2021


Informazioni

Lunedì 15 febbraio 2021

Ore 21.00

Storie dal Colosseo. Lezioni di Epigrafia

4. I terremoti del V secolo d.C. e la fine dei giochi


Condividi

Come già in epoca precedente, ancora nel corso del V secolo d.C. e probabilmente anche nel VI secolo d.C. Roma è squassata da violenti terremoti che non risparmiano neanche il Colosseo. Le gradinate, il piano dell’arena, l gallerie di servizio e persino il podio sono interessati da forti danneggiamenti che richiedono ingenti somme di denaro per il loro ripristino.

Lo sappiamo ancora una volta dagli stessi fautori di queste ricostruzioni, ovvero i prefetti urbani, alti magistrati preposti proprio alla tutela della città.

Del più noto, Rufius Caecina Felix Lampadius, abbiamo già sentito parlare nel corso della prima lezione, perché dopo il 443 d.C. fu lui a promuovere i restauri, durante il regno di Teodosio II e Valentiniano III, celebrandone gli interventi addirittura riutilizzando l’epigrafe inaugurale dei giochi di Tito dell’80 d.C.

Altrettanto importante fu il praefectus urbi Decius Marius Venantius Basilius che scolpì tre volte sulla pietra i nuovi restauri all’arena e al podio, resisi necessari a seguito di un ennesimo terremoto (nel 484 d.C. o nel 508 d.C.) definito addirittura abominandus! Le basi si conservano all’interno del fornice ovest, la cd. Porta Triumphalis.

Ancora una volta sarà la Prof.ssa Silvia Orlandi, docente di Epigrafia latina alla Sapienza Università di Roma, accompagnata da Federica Rinaldi, responsabile del monumento, a portarci fino alle soglie della fine dei giochi e della dismissione definitiva del Colosseo come arena per spettacoli.

L’appuntamento è per lunedì 15 febbraio, alle ore 21.00sui nostri canali social.