Mirabilia

Dedica votiva

Il dedicante, T. Flavio Domiziano, aveva fatto un voto per la salute degli Imperatori quando era speculator della III legione Parthica e lo aveva sciolto quando era diventato princeps dei peregrini. Gli speculatores erano una categoria di principales inviati dalle legioni a Roma nei castra peregrina insieme ai frumentarii, a cui erano strettamente legati e che prestavano abitualmente servizio nell’officium dei governatori provinciali per la trasmissione regolare di notizie.

Il culto del genio dei Castra, peculiare dei soldati acquartierati presso i Castra peregrina, situati al Celio, è attestato a partire dalla fine del II sec. o inizi III sec. d.C. Questa dedica potrebbe essere messa in relazione con un distaccamento al servizio del palazzo imperiale, sul Palatino.

Dedica votiva per la salute degli Imperatori posta al Genio dell’accampamento; CIL VI 36775 = ILS 484

Pro salute Domini / Nostri Imperator(is) Caes(aris) M. Aur(eli) Severi / [Alexandri] Aug(usti) et Iuliae [[Measae]] et Iuliae Avitae / [[M[ameae]] sanctissimarum /Augustarum / Genio sancto castror(um) / peregrinorum / T. Flavius Domitianus, / domo Nicomedia, quod / speculator leg(ionis) III Parth(icae) / Severianae vovit, has/tatus leg(ionis) X Fretensis, / princeps peregrinorum / reddedit.