Mirabilia

I Plutei di Traiano

Foro Romano

I Plutei di Traiano furono rinvenuti davanti alla Curia Iulia nel 1872, tra il Comizio e la Colonna di Foca, e si possono ammirare oggi all’interno dell’edificio. La collocazione e soprattutto la funzione originaria di questa coppia di balaustre marmoree sono ancora incerte. Secondo alcuni studiosi, racchiudevano l’area della ficus Ruminalis e di Marsia, riconsacrata intorno al 106 d.C.; secondo altri, avrebbero sorretto gli spalti lignei del tribunale pretorio in corrispondenza della cosiddetta aiola del Marsia, posta nel settore occidentale della piazza del Foro. Discussa è anche l’identificazione sia delle scene storiche, rappresentate su un lato di ciascun pluteo, sia dell’imperatore che le presiede. Vi si riconosce in prevalenza Traiano negli atti di annullare i debiti dei Romani e di istituire gli alimenta a beneficio dei fanciulli poveri. Per contro, tutti concordano sull’enorme importanza archeologica dei rilievi per la rappresentazione dei monumenti sullo sfondo delle scene figurate, preziosissima istantanea del lato meridionale del Foro Romano all’inizio del II secolo d.C.