Mirabilia

Statua di Aura

Museo Palatino

La statua di Aura, rinvenuta da Giacomo Boni nel 1818 presso l’Arco di Tito, seppur frammentaria, conserva intatto il suo fascino grazie all’ottima fattura e alla luminosità del marmo pentelico. Nella leggiadra figura femminile colta in un movimento ascensionale, espresso mirabilmente con gli svolazzi del panneggio a scoprire gambe e braccia, è stata riconosciuta la ninfa Aura, personificazione della brezza, che a causa dei suoi eccessi di orgoglio subì l’ira di Artemide. Potrebbe trattarsi di un originale greco della fine del V secolo a.C. o di una copia più recente ma di eccezionale qualità. Esposta nel Museo Palatino.

 

Acquista il biglietto Foro Palatino S.U.P.E.R.