Museo Palatino

Antefissa arcaica con testa femminile

Questa antefissa in argilla – elemento decorativo per i tetti dei templi – ritrae un volto femminile dalle caratteristiche piuttosto marcate, con capelli disposti in ciocche ondulate ad incorniciare il viso, sopracciglia arcuate dipinte in nero, occhi grandi e neri dalla forma allungata con fitte ciglia e bocca con labbra carnose dipinte in rosso chiaro. Per affinità con altri esemplari simili, l’opera può essere datata al VI secolo a.C., in un periodo di transizione fra lo stile ionico e lo stile attico. In questo periodo, in Italia, le antefisse a testa femminile sono solitamente associate al culto di divinità femminili tutelari della famiglia e sono interpretabili come personaggi facenti parte del corteo della divinità cui il tempio è dedicato o come rappresentazioni della stessa. Fa parte del percorso di accessibilità del Museo: accanto all’originale è presente una riproduzione in 3D per l’esplorazione tattile di tutti i visitatori.